FEMI-CZ RUGBY ROVIGO DELTA
Stagione Sportiva 2016/2017
Comunicato stampa n. 77 del 18.03.2017

FEMI-CZ RRD: AL BATTAGLINI I ROSSOBLÙ SUPERANO LA LAZIO 51-36

La FEMI-CZ Rugby Rovigo Delta vince con bonus 51-36 contro la S.S. Lazio
Rugby 1927 nella quattordicesima giornata del Campionato Italiano
d’Eccellenza.

Rovigo parte subito forte e dopo pochi istanti dal fischio d’inizio
sfiora la meta con Muccignat, tenuto alto oltre la linea dalla difesa
avversaria. I rossoblù però si rifanno subito dopo, alla ripartenza da
mischia sui 5 metri, con una bella azione al largo che lancia Barion a
segnare e Mantelli trasforma per il 7-0. Al 10’ i rossoblù rimangono con
un uomo in meno per un cartellino giallo a capitan Ruffolo, punito per
placcaggio alto, e i laziali ne approfittano per ben due volte: la prima
meta è segnata dal tallonatore Cugini, abile a sfruttare un buco nella
difesa dei Bersaglieri, e la seconda nasce dopo una serie di pick and go
sui 5 metri rossoblù, a segnarla è il pilone Alvarado. L’apertura
biancoceleste Miller mette a segno entrambe le trasformazioni portando
gli ospiti in vantaggio. Al rientro in campo di capitan Ruffolo, Rovigo
riprende in mano le redini del gioco riuscendo a segnare in due
occasioni, nuovamente con Barion al 21’ raggiungendo il pareggio, e poi
conquistando il bonus con Brancoli per il 19-14. Negli ultimi minuti del
primo tempo la Lazio continua comunque a mettere pressione ai padroni di
casa, riuscendo anche ad accorciare le distanze grazie ad un piazzato
che Miller mette tra i pali al 35’. Le squadre tornano quindi agli
spogliatoi sul 19-17.

I Bersaglieri tornano in campo agguerriti e, dopo vai tentativi
d’incursione, tornano a schiacciare oltre la linea con Barion: è la
terza meta di giornata per l’ala rodigina, che alla fine ottiene il
premio di man of the match. La FEMI-CZ Rugby Rovigo Delta ha l’occasione
di allungare ulteriormente le distanze al 51’ e Mantelli si dimostra
preciso dalla piazzola mettendo a segno il piazzato del 29-17. Poco dopo
una bella azione dei trequarti vede Arrigo bucare la difesa avversaria
in velocità, per poi consegnare l’ovale all’estremo Biffi che lo
schiaccia oltre la linea. Sul 34-17 i giochi sembrano fatti ma la Lazio
stupisce, acquistando fiducia dalla meta d’intercetto di Miller che
rimescola le carte della partita. Gli ospiti non si fanno intimorire dal
piazzato che Mantelli mette a segno al 63’ e tornano a segnare la meta
del bonus con Filippucci, complice la superiorità numerica per il
secondo giallo – tramutato in rosso – al capitano dei Bersaglieri
Ruffolo, accorciando le distanze sul 37-31. Rovigo non ci sta e allo
scoccare della mezzora arriva la seconda marcatura di giornata di Biffi,
che Mantelli trasforma. La Lazio però risponde subito dopo mandando a
schiacciare l’ovale oltre la linea Bonavolontà. Negli istanti finali del
match l’arbitro assegna una cartellino giallo a Filippucci e Mantelli ma
i rossoblù, in 13 contro 14, riescono comunque a regolare i conti grazie
alla meta di Balboni, poi trasformata da Basson, che chiude la partita
sul 51-36.

“Sono contento, abbiamo segnato 51 punti e non posso che essere positivo
– è il commento dell’head coach rossoblù *Joe McDonnell *alla fine del
match – Abbiamo commesso meno errori rispetto alla scorsa settimana,
riuscendo così a fare il nostro gioco. Non si può pretendere però di
giocare un rugby di alto livello se ad arbitrare c’è una persona alla
sola seconda esperienza in Eccellenza, che spezza spesso il ritmo e le
fasi del gioco. A mio avviso con un direttore di gara con più esperienza
avremmo visto un’altra partita; emblematica la decisione di punire
Ruffolo con giallo per placcaggio alto e due minuti dopo, allo stesso
fallo commesso dagli avversari, concederci solo un calcio a favore e
lasciare impunito il giocatore per la scorrettezza. Ma siamo in Italia:
è così che funziona e mi adeguo, concentrandomi invece sulla nostra
performance. Dobbiamo continuare a lavorare, oggi ho visto una buona
difesa e dei discreti offload ma dobbiamo concedere meno agli avversari
per evitare che costruiscano il loro gioco sui nostri errori. Siamo
scesi in campo senza otto giocatori titolari, quasi tutti infortunati,
ma sono contento di come i giovani hanno gestito il match. Sono molto
positivo”.

È un capitan *Edoardo Ruffolo* dai due volti quello che commenta la
partita dopo il fischio finale: “Da una parte sono contento, abbiamo
vinto e visto buone cose dai ragazzi più giovani che oggi si sono fatti
trovare pronti per sostituire i tanti infortunati. Dall’altra sono
amareggiato per la conduzione della partita da parte dell’arbitro e
dispiaciuto per la doppia ammonizione. Come ha detto coach McDonnell,
non possiamo giocare un rugby di alto livello in queste condizioni, in
cui veniamo trascinati nel caos creato e voluto dagli avversari senza
che il nostro gioco propositivo venga in alcun modo tutelato. Per il
rosso chiedo scusa a tutti i miei compagni e allo staff, mi dispiace
enormemente e mi farò perdonare”.


Ufficio Stampa
Silvia Stievano
mob. +39 340 8125538
mob. +39 334 7996999
@ ufficiostampa@rugbyrovigodelta.it

Skype: rugbyrovigodelta
Twitter: twitter.com/RugbyRovigoDelt
Instagram: rugbyrovigodelta
Facebook: facebook.com/RugbyRovigoDelta