Roma – Erano i grandi favoriti della vigilia e hanno fatto rispettare il
pronostico. L’Aquila ha vinto il titolo di campione 2018 del campionato
organizzato dalla Lega Italiana Rugby Football League (Lirfl). Nella finale
disputata a Cascia (in Umbria) nello scorso fine settimana, la squadra di
coach Alessandro Marozzi ha coronato un “inseguimento” che durava ormai da
tre anni. Troppi i titoli sfiorati dagli abruzzesi in questo periodo e così
la squadra aquilana ha dominato in lungo e in largo tutte le partite di
questa edizione, finale compresa. Nulla hanno potuto i Gladiators di Roma,
ai quali è rimasto solamente l’onore delle armi. «Sapevamo di essere i più
forti e non ci siamo fatti distrarre da nulla – dice il capitano
dell’Aquila Nicolò Speranza – Volevamo fortemente questo titolo tricolore e
lo abbiamo ottenuto: abbiamo avuto maggiore qualità e anche quantità
rispetto ai nostri avversari. Avevamo già affrontato in precedenza i
Gladiators e, anche se loro hanno inserito qualche nuovo giocatore per la
finale, abbiamo dimostrato di meritare la vittoria». Un successo che ha
emozionato anche un giocatore come lui che ha avuto esperienze importanti
anche nel rugby a 15. «In passato ho ottenuto una promozione dalla serie A
all’Eccellenza nel rugby union, ma anche questa è stata sicuramente una
bella emozione» racconta il mediano di mischia classe 1994 che fa
riferimento anche alla splendida cornice di pubblico vista a Cascia. «Per
noi è stato come giocare in casa, c’erano diversi nostri tifosi a
sostenerci e questa è stata sicuramente un’altra grande soddisfazione». Il
gruppo aquilano può davvero aprire un ciclo. «La squadra è mediamente
giovane, rappresenta una sintesi perfetta delle diverse anime rugbystiche
della nostra città e possiamo fare bene anche nelle prossime competizioni
organizzate dalla Lega Italiana Rugby Football League» assicura Speranza.
Le avversarie sono avvisate: bisognerà attrezzarsi al meglio per arginare
la voglia di vittoria dell’Aquila.

Area comunicazione Lega Italiana Rugby Football League

*Informazione ai sensi del Codice della Privacy (D.L. 196/2003) – Il vostro
indirizzo ci è pervenuto da pubblici registri, elenchi, atti o documenti
conoscibili da chiunque o a seguito di una vostra e-mail a noi indirizzata.
Il vostro indirizzo sarà utilizzato esclusivamente per inviarvi le nostre
comunicazioni e notizie e non sarà comunicato o diffuso a terzi. Nel caso
avessimo disturbato la vostra privacy, inviateci una e-mail ed il vostro
indirizzo verrà prontamente rimosso dalla nostra mailing list.*