Il miracolo dell’ultimo minuto non riesce. I gialloblù di Liviu Pascu e Mono Gutierrez si fermano a pochi centimetri dalla linea di meta con l’ultimo drive che, dopo aver risalito tutto il campo viene fermato da un fischio del direttore di gara per un tenuto con la palla a una spanna dalla linea di meta.

La Rugby Parma sfodera una prestazione coraggiosa, sebbene in formazione rimaneggiata, soprattutto nel reparto delle terze linee, dovendo fare a meno di Slawitz, De Rossi, Cavazzini e Alex Benchea. Assenti tra i trequarti il vice capitano Zanichelli, Rosi e Calabrese. Così la formazione scesa al Montano vede ben 6 giocatori del ’99 e un’età media di poco superiore ai 21 anni. Da segnalare il debutto da titolare di Pietro Bandini, autore di una meta di ottima fattura.

I ducali partono subito in attacco e, dopo 7 minuti trovano il vantaggio con Manganiello che segna al termine di una bella serie di scambi stretti in zona centrale. Prova ad accorciare Livorno al 10′, ma il calcio non centra i pali da posizione centrale. Al 16′ una palla persa malamente in zona d’attacco, viene recuperata e schiacciata in meta dal veloce centro biancoverde, La trasformazione fallisce da posizione centrale. I livornesi avanzano aiutati da una mischia avversaria spesso in sofferenza e una touche ancora imprecisa. Al 25′ i toscani allungano con una bella meta in slalom sotto ai pali della giovane apertura di casa (classe 2001) agevolata anche da qualche placcaggio troppo morbido. Al 28′ un’occasione per marcare punti viene sprecata dai gialloblù con un fallo in attacco in mischia chiusa. 12-7 al riposo e partita ancora aperta.

Al 5′ del secondo tempo un fallo di Colla lascia la squadra in 14. Sulla giocata successiva, un bel calcio sull’ala permette ai labronici di allungare ancora sul 17-7. Nuova reazione dei gialloblù che mettono sotto pressione la difesa di casa con una serie di percussioni in zona d’attacco che porta Bondioli in meta, con la squadra ancora in inferiorità numerica. Al 18′, nuova fiammata dei livornesi che, con una bella azione alla mano vanno a segno sull’out di sinistra  per il bonus mete del 24-14. Nel finale i gialloblù tornano in attacco e segnano in percussione con Bandini, ma un nuovo, ultimo, disperato assalto si conclude a pochi centimetri dalla linea di meta con la Rugby Parma che si deve accontentare di un più che meritato punto di bonus difensivo.

Coach Pascu a fine incontro: “E’ stata una partita a due facce. Il  primo tempo onestamente è da dimenticare: dopo i primi minuti di buona fattura, ci siamo spenti in tutti i reparti e abbiamo sbagliato tanto sia nel gioco che nella conquista. Abbiamo cominciato a giocare soltanto nel secondo tempo e da lì abbiamo segnato. Sapevamo di dover affrontare una squadra forte, con molti giovani, veloci e capaci. Non è un gruppo facile da battere per nessuno, soprattutto quando gioca in casa, e noi gli abbiamo lasciato troppo spazio”.

“La nostra è una squadra molto giovane che paga l’inesperienza – ha aggiunto coach GutierrezOggi abbiamo affrontato una squadra altrettanto giovane, molto organizzata e ordinata che ha saputo tenerci testa quando abbiamo cercato di imporre il nostro gioco. Nonostante l’inferiorità numerica, però, noi abbiamo dimostrato che sappiamo giocare anche in 14 e molto bene visto che abbiamo anche segnato. Il reparto degli avanti è stato quello che ha avuto più problemi in settimana per cui abbiamo dovuto lasciare parecchi titolari a riposo oggi. Non nascondo che ero abbastanza preoccupato per le assenze che aumentavano di giorno in giorno. Invece posso confermare ancora una volta che il lavoro che stiamo facendo sta funzionando. Questo è un gruppo composto da 40 titolari e non da titolari, panchina e chi non giocherà mai. La difficoltà di fare le formazioni per noi tecnici aumenta di settimana in settimana, proprio perché con questi turn over ci rendiamo conto che anche chi gioca meno si dimostra ampiamente all’altezza dei titolari fissi”.

Il campionato è ora al giro di boa, domenica prossima la Rugby Parma riparte da Rieti con la prima partita del girone di ritorno per confermare quanto di buono messo in mostra finora e proseguire la marcia.

RUGBY PARMA: Righi Riva, Gasparri (42’ Tucconi), Massera, Pelizza, Manganiello (50’ Imparato), Pelagatti S. (cap.), Guatelli (61’ Quagliotti, 32’ Manganiello per sangue), Bondioli, Fedolfi (58’ Zilioli), Bandini, Colla, Benchea C., Cammi (46’ Palma), Silvestri (v. cap.), Zanetti (46’ De Rosa); a disposizione Strina. All.: Pascu e Gutierrez.

LIVORNO RUGBY: Canepa, Stiaffini, Pellegrini, Ianda, Rattalino (54’ Menicucci), Gesi, Zannoni, Merani (47’ Pardini), Gragnani Giorgio (cap.), Bottari, Scrocco (v. cap., 27’ Piras), Gragnani Giacomo, Mangoni, Bufalini (51’ Sforzi), Ciapparelli; a disposizione Romano, Scapaticci. All.: Zaccagna.

Arbitro: Luigi Palombi (PG)

Livorno Rugby vs Rugby Parma: 24-21 (12-7), pt 5-1

MARCATORI:
1° T: 7’ mt Manganiello tr Righi Riva, 16’ mt Pellegrini nt, 25’ mt Gesi tr Ianda
2° T: 5’ mt Ianda tr Ianda, 11’ mt Bondioli tr Righi Riva, 24’ mt Stiaffini nt, 28’ mt Bandini tr Righi Riva

NOTE: 45’ giallo a Colla