La Zhermack vince con il punto di bonus contro il Livorno e porta a casa cinque punti pesantissimi per la salvezza. La partita si disputa, nonostante il maltempo. In mattinata alcuni volontari si trovano presso il campo di Via Caduti di Villamarzana per spalare la neve, caduta copiosamente durante la notte. Il Livorno, partito nella prima mattinata, arriva puntuale e la partita, condotta dal signor Pennè, inizia regolarmente. Il Livorno, a causa di tre assenze fondamentali (Griffiths, Mazzantini e Cazzola), è la brutta copia della squadra vista all’andata. Tanti errori e poca attitudine. Dall’altra parte una Zhermack parimenti rattoppata, che fa giocare a suo favore il fattore campo e si presenta molto più determinata degli avversari ai blocchi di partenza. Ma è il Livorno ad inaugurare il tabellino, con una meta di rapina di Reitsma, migliore in campo per i toscani. Il centro si avventa su un pallone vagante e lo porta fino in area di meta al piede. L’apertura Squarcini non centra i pali. Dopo sei minuti, White, migliore in campo, ruba palla dentro ai ventidue della Zhermack, si lancia in una galoppata solitaria, serve i compagni in sostegno, si forma una ruck, il pallone esce velocemente, Tinazzo prova a sfondare in solitaria ma viene placcato a un metro dalla linea di meta. Riesce comunque a servire Flagiello che porta in meta palla e avversario. Al ventiduesimo sempre Flagiello su contrattacco prende palla, deborda sul diretto avversario, fingendo di servire Pagliarini, che era però marcato dal suo avversario omologo. Il centro polesano decide di tenere palla e fa la scelta giusta: lascia sul posto il difensore e va a segnare vicino ai cinque metri sulla sinistra. Brussolo trasforma. Al ventiseiesimo il mediano di apertura del Livorno Squarcini centra i pali su calcio di punizione. Dopo tre minuti, sempre su azione di rimessa, va in meta Tinazzo, praticamente gattoni. Per l’arbitro Pennè si tratta di un movimento unico, e la meta viene convalidata. Si chiude il primo tempo con i padroni di casa in vantaggio per diciannove a undici. Nel secondo tempo in apertura Tinazzo, pur in evidente superiorità numerica al largo, decide di puntare per la linea di meta. Nonostante il disperato tentativo degli avversari di fermarlo, il primo centro badiese sfonda la linea difensiva e schiaccia in meta, per il punto del bonus. Da questo momento in poi la Zhermack si ritira su sè stessa, lasciando campo ai livornesi, che cercano in tutti i modi di diminuire il divario, non riuscendoci. Riescono solamente a portare a casa tre punti, pareggiati poi da Brussolo a tempo scaduto. Sul fronte della disciplina, qualche problema per la squadra di Tellarini, con due gialli (Brussolo e Candian), contro uno degli ospiti. Da segnalare qualche scambio di opinioni non proprio ortodosso durante la seconda frazione di gioco, con la situazione tornata alla normalità immediatamente. COn questa vittoria la Zhermack stacca Brescia e Piacenza, portandosi a sedici punti. Tra due settimane il recupero con il forte Colorno, che potrà essere un’interessante cartina di tornasole sullo stato di salute e sulle aspettative della squadra di Tellarini.